SICUREZZA DOMESTICA AI TEMPI DEL CORONAVIRUS

Tra le principali misure disposte per contenere il Covid19 vi è l’obbligo di restare a casa. Tante le adesioni sui social alla campagna #IORESTOACASA, ma cosa si nasconde davvero dietro i sorrisi di chi la condivide? Come spesso accade, sui social vediamo sempre la versione migliore della vita di ognuno ma la realtà, molto spesso è un’altra. Restare a casa, infatti, per molti è fonte di frustrazione e in un primo momento può provocare noia, irritazione o insofferenza. Anche i rapporti familiari, forse un po’ più “liberi” nella vita quotidiana, oggi potrebbero essere messi a dura prova. La convivenza in effetti, può diventare difficile: figli inarrestabili, coniugi in preda all’insofferenza e tante piccole diatribe che fino a qualche giorno fa potevano essere evitate o contenute semplicemente andando a fare un giro.

Ogni cambiamento, però, anche forzato può contenere un’opportunità.

L’opportunità di dedicarsi a un’attività che si voleva iniziare da qualche tempo, di rispolverare quei rapporti familiari che, forse, nell’ultimo periodo abbiamo tralasciato più del dovuto o addirittura, imparare a vedere la solitudine come un momento per ascoltarsi e conoscersi più a fondo.

Il mondo intorno a noi pare essersi fermato: uno stop forzato agli spostamenti, se non per reali necessità, ci porta irrimediabilmente ad osservare le nostre vite esattamente per come sono. Una buona notizia c’è: la vita segue il suo corso, e per un po’, abbiamo tutti guadagnato qualcosa di veramente essenziale: del tempo.

L’opportunità che ci viene offerta è quella di riprendere in mano le fila della nostra vita e di riscoprire i piaceri delle piccole cose. Immersi come siamo nella vita frenetica di tutti i giorni, tanto spesso lasciamo a “domani” cose che vorremmo fare oggi, proprio perché “non necessarie”. Quelle che fino a una settimana fa potevano essere priorità oggi perdono momentaneamente importanza, mentre quelle che consideravamo secondarie riacquistano improvvisamente senso e valore.

Se qualcuno si sta ancora chiedendo come rendersi utile, invitiamo tutti i nostri lettori ad incominciare dalla propria casa. La casa, infatti, luogo spesso sottovalutato per via delle tante attività che ci portano fuori da essa, torna ad essere il focolare da condividere con le nostre famiglie, i coinquilini o semplicemente con noi stessi.

A chi di noi non è capitato almeno una volta di sentirsi dire dal coniuge/compagno/compagna/coinquilino o anche solo dalla voce del proprio subconscio di sistemare una tapparella, la porta del bagno o ancora, di sostituire la lampadina dell’abat-jour?

Se iniziassimo ad osservare con attenzione la nostra casa, ci renderemmo conto di quanti potrebbero essere i “lavoretti” da portare a termine ogni giorno per mantenerla in condizioni ottimali.

Perché allora non sfruttare questo periodo per rendere la nostra casa più sicura, accogliente e sistemare le cose che non vanno?

Ecco per voi, cari lettori, qualche suggerimento che da questo blog, come esperti in sistemi di sicurezza, ci sentiamo di offrire:

1) Accertatevi che la porta d’ingresso sia davvero sicura.

DIFESA-PORTA-INGRESSO

A questo link, la nostra infografica con i 3 step indispensabili per difendere la porta di casa.

2) Controllate che gli accessi secondari siano protetti.

SICUREZZA-FINESTRE-GARAGE

Finestre e porta-finestre possono essere rotte, forzate o smontate. Avviene in questo modo, infatti, una buona percentuale di furti. Dopo aver adeguatamente rafforzato la porta di casa, è bene proteggere anche gli altri potenziali punti di accesso. Le soluzioni possibili sono molte: installare una spranga sugli scuri, utilizzare tapparelle blindate o montare le old-style, ma sempre efficaci, inferriate.

Tra gli accessi secondari, troviamo anche i garage. Ladri, intrusi o malintenzionati, come si evince dai fatti di cronaca, spesso riescono a intrufolarsi indisturbati proprio dalle porte dei garage. Se possedete una porta motorizzata, vi invitiamo caldamente a dare un’occhiata a questo articolo!

3) Verificate se sul vostro cancello è stata montata la serratura giusta.

SICUREZZA-CANCELLI

Nell’articolo linkato mostriamo le serrature più indicate per ogni tipo di cancello.

4) Valutate l’installazione di sistemi di allarme.

SISTEMI-ALLARME

Se vi interessa l’argomento, potrete approfondirlo qui.

5) Instaurate o mantenete un buon rapporto con il vicinato.

VICINATO-COVID19

Proprio in questo delicato momento, in cui il campo di azione si è ridotto sensibilmente, stiamo riscoprendo l’importanza dei rapporti con i vicini. È il momento ideale per renderci più consapevoli delle persone e delle famiglie che abbiamo intorno, per capire, anche in futuro, come aiutarci al meglio l’un l’altro. Esistono app come “Nextdoor” che permettono di restare in contatto con chi abita nel proprio quartiere. Conoscere (pur rispettando le “distanze di sicurezza!”:-)i vicini di casa e scambiarsi informazioni inerenti la tutela delle proprie abitazioni, generare una rete, è un ulteriore metodo per prevenire i furti.

Ricordiamo inoltre che fino al 31 dicembre 2020 sarà possibile detrarre il 50% sulla spesa di antifurto e sistemi di sicurezza grazie al nuovo Bonus Videosorveglianza. Se non aveste ancora avuto tempo di darci un’occhiata, in questo post scoprirete per cosa e come potrete usufruirne!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


× cinque = dieci