Bonus Videosorveglianza 2019: cosa comprende?

Come avevamo accennato nell’articolo precedente, i furti in appartamento hanno raggiunto negli ultimi anni livelli decisamente elevati e, in alcune zone d’Italia, hanno avuto nel 2018 un incremento davvero esponenziale.
Sebbene non vi siano ancora statistiche complete Istat relative all’anno 2018 e a quello in corso, è possibile constatare, da dati recentemente resi pubblici, che il furto in abitazione continua ad essere un reato assai diffuso. A Milano ad esempio si riporta  un +102,5% rispetto all’anno precedente dei furti in abitazione.

Se vi siete già appuntati tutti gli accorgimenti suggeriti e le abitudini da non assecondare  per rendere più sicura la vostra abitazione, allora, possiamo passare allo step successivo.

Parliamo del nuovo “Bonus Videosorveglianza 2019”.

Di cosa si tratta?

Noto anche come “Detrazione spese Videosorveglianza 2019”, rientra nel “Bonus ristrutturazione 2019”. Si tratta di un’agevolazione che permette di detrarre il 50% delle spese mirate al miglioramento della sicurezza.

Cosa è possibile detrarre?

  • Rafforzamento, sostituzione o installazione di cancellate o recinzioni murarie degli edifici.
  • Apposizione di grate sulle finestre o loro sostituzione.
  • Porte blindate o rinforzate.
  • Apposizione o sostituzione di serrature, lucchetti, catenacci, spioncini.
  • Installazione di rilevatori di apertura e di effrazione sui serramenti.
  • Apposizione di saracinesche.
  • Tapparelle metalliche con bloccaggi.
  • Vetri antisfondamento.
  • Casseforti a muro.
  • Telecamere o fotocamere.
  • Apparecchi rilevatori di prevenzione antifurto e relative centraline.

Chi può accedere al Bonus 2019?

  • Proprietario dell’immobile.
  • Titolare del diritto di godimento.
  • Familiare convivente: il coniuge, il componente dell’unione civile, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado.
  • Coniuge separato qualora assegnatario dell’immobile intestato all’altro coniuge.
  • Convivente more uxorio, non proprietario dell’immobile oggetto degli interventi, né titolare di un contratto di comodato.
  • Chi esegue lavori sull’immobile da sé (diritto di detrazione sulle spese per materiali edili).

Per chi fosse interessato ad avere maggiori dettagli sulle modalità e sulla procedura da seguire per rientrare nel “Bonus Videosorveglianza 2019”, rimandiamo a questo link di guidafisco.it.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− uno = tre