bloccadisco con allarme

Come superare i limiti dei comuni blocca disco, con quelli dotati di allarme

I blocca disco sono tra gli antifurto più utilizzati per proteggere moto e scooter. Purtroppo, come abbiamo visto, in alcune circostanze possono essere neutralizzati in modo relativamente semplice svitando il disco. Anche per fronteggiare questo possibile rischio sono stati sviluppati i blocca disco con allarme. Quali sono le caratteristiche di questi antifurto a cavallo tra meccanica ed elettronica? Vediamole.

Come funziona un blocca disco con allarme

Semplificando, un blocca disco con allarme è dotato di uno o più sensori in grado di rilevare i tentativi di furto e di attivare una sirena che disturba l’eventuale malintenzionato.

Il blocca disco con allarme Viro Echo, ad esempio, è equipaggiato con un sensore in grado di rilevare il movimento del veicolo e quindi il probabile tentativo di rimuoverlo. Il più evoluto Viro Sonar è invece dotato di 2 sensori: uno di movimento e uno di vibrazione. È quindi in grado di rilevare non solo i tentativi di rimuovere la moto, ma anche quelli di manomettere le sue difese, tra cui proprio il blocca disco.

Il blocca disco con allarme Viro Sonar

Il blocca disco con allarme Viro Sonar

Un blocca disco con allarme è quindi in grado di segnalare anche i tentativi di eluderlo svitando il disco, per questo rappresenta un deciso passo avanti dal punto di vista della sicurezza rispetto ad un comune blocca disco.

Le caratteristiche che distinguono un blocca disco con allarme di qualità

Naturalmente non tutti i blocca disco con allarme sono uguali. Anzi, proprio la presenza di una componente elettronica, fa sì che in questa categoria si trovino molti prodotti di importazione realizzati al risparmio e non in grado di garantire un’adeguata protezione.

Un blocca disco con allarme di qualità deve invece avere:

  • Il vano che custodisce l’elettronica protetto contro contro gli agenti atmosferici, altrimenti basta un temporale per metterlo fuori uso. I bocca disco con allarme Viro, ed esempio, hanno i vani porta elettronica certificati CEI EN 60529 come resistenti a spruzzi d’acqua e polvere.
  • Un funzionamento basto su una tecnologia a basso consumo, altrimenti il cambio delle pile diventa troppo frequente e il rischio di trovarsi con le batterie scariche troppo elevato.
  • La sirena posizionata all’interno blocca disco o comunque in modo tale da non poter essere neutralizzata facilmente, ad esempio iniettandola con schiuma poliuretanica.

I limiti di un blocca disco con allarme

  • Le dimensioni contenute di un blocca disco permettono di alloggiare solo piccole batterie, di conseguenza la potenza della sirena non può essere certamente al livello di quella di un allarme collegato alla batteria dell’autoveicolo. Se un prodotto vanta potenze eccessive della sirena, i dubbi sulla sua serietà, o sulla durata delle sue batterie, sono legittimi.
  • Il suono della sirena è quindi avvertibile entro un raggio limitato, e certamente minore di quello dei comuni antifurto domestici e per veicoli. La sua funzione non è tanto quella di avvertire il proprietario che si trovi molto lontano, quanto quella di attirare l’attenzione dei passanti sull’eventuale ladro, in modo da disturbarne l’azione.
  • Come tutte le sirene, anche quella dei blocca disco può essere neutralizzata se è possibile raggiungerla. Il sistema più utilizzato è quello di iniettare la schiuma poliuretanica che si usa in edilizia all’interno della sirena, in modo da bloccarla. Per questo è importante che l’uscita della sirena sia posizionata in modo da non renderla facilmente accessibile. Una delle posizioni migliori è all’interno dell’asola in cui si inserisce il disco freno, in modo che, una volta montato il blocca disco sul disco, lo spazio d’azione sia minimo e non lasci margini di manovra.
  • Come per i comuni blocca disco, resta il limite di non poter ancorare il veicolo ad un punto fisso e quindi l’impossibilità di ostacolare l’eventuale rimozione di forza, ad esempio caricando la moto su un furgone.

Protezione incrociata con il blocca disco Viro Sonar e l’allarme GPS/GSM Viro MAS

Il blocca disco con allarme Viro Sonar è progettato in modo da integrarsi con il modulo antifurto satellitare Viro MAS. In questo modo, se il blocca disco rileva dei tentativi di effrazione può notificarli in tempo reale via SMS tramite il modulo GSM dell’antifurto, mentre, se quest’ultimo rileva dei tentativi di furto, può far suonare la sirena del blocca disco.

Il Modulo di Antifruto Satellitare GPS/GSM Viro MAS.

Il Modulo di Antifurto Satellitare GPS/GSM Viro MAS.

Conclusioni

I blocca disco con allarme permettono di superare alcuni limiti tipici dei blocca disco e rappresentano quindi un importante passo avanti dal punto di vista della sicurezza. Abbinati ad un allarme GSM/GPS come il Viro MAS e/o ad un buon lucchetto con catena sono in grado di offrire una protezione ai massimi livelli.

Guarda le caratteristiche tecniche dei blocca disco con allarme Viro

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− tre = cinque

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>