lucchetto-corazzato

I lucchetti blindati: salvare la capra e i cavoli

Ci hanno sempre insegnato che certi compromessi sono impossibili. O si salva la capra o si salvano i cavoli. Apparentemente non si possono avere entrambi. Eppure qualche volta è possibile realizzare dei compromessi che riescono a tenere assieme con successo esigenze opposte. È il caso dei lucchetti blindati (o corazzati).

Il corpo dei lucchetti è in genere realizzato in ottone, un metallo che si presta bene ad essere lavorato per realizzare tutti i componenti interni e che offre una buona resistenza agli attacchi. Certamente non è però il materiale più inattaccabile che esista.

Il corpo dei lucchetti tradizionali, realizzato in ottone, non offre la massima resistenza agli attacchi

Il corpo dei lucchetti tradizionali, realizzato in ottone, non offre la massima resistenza agli attacchi

Per questo i lucchetti di altissima sicurezza sono realizzati con il corpo interamente in acciaio, come il Viro Monolith. L’acciaio è molto più resistente al taglio, alla foratura o alla rottura. È quindi molto più sicuro, ma anche più difficile da lavorare. Per questo i lucchetti monoblocco sono i più sicuri, ma anche i più costosi.

I lucchetti monoblocco, come i Viro Monolith, sono i più sicuri, ma anche i più costosi.

I lucchetti monoblocco, come i Viro Monolith, sono i più sicuri, ma anche i più costosi.

Come si fa a sfruttare la lavorabilità dell’ottone e allo stesso tempo la resistenza dell’acciaio? La soluzione è semplice: si realizza il corpo del lucchetto in ottone, e poi lo si riveste con una protezione ad elevata resistenza in acciaio temprato. È così che nascono i lucchetti blindati, o corazzati che dir si voglia.

Dettagli di un lucchetto corazzato Viro Panzer, in cui si vede come la corazza di acciaio avvolge il corpo di ottone

Dettagli di un lucchetto corazzato Viro Panzer, in cui si vede come la corazza di acciaio avvolge il corpo di ottone

I lucchetti corazzati, come i Viro Panzer, permettono quindi di centrare obiettivi apparentemente in conflitto: alta sicurezza da un lato e un costo e un peso contenuti dall’altro. Nei Panzer le dimensioni del corpo e la precisione delle lavorazioni hanno consentito inoltre a Viro di utilizzare un barilotto con 7 pistoncini (perni) quando la stragrande maggioranza dei lucchetti corazzati sul mercato ne ha al massimo 5.

La presenza della corazza si presta poi particolarmente bene all’inserimento di una piastrina antitrapano a protezione della serratura, come nel Panzer o nel Supermorso, aumentando così ancora di più la resistenza ai potenziali attacchi.

La corazza permette di inserire una piastrina anti trapano a protezione della serratura

La corazza permette di inserire una piastrina anti trapano a protezione della serratura

Si possono corazzare lucchetti di tutti i tipi: per serranda (Panzer), per catena (Supermorso) o gruppi di fissaggio per serranda (Condor).

Il Supermoroso Viro è un lucchetto corazzato per catena con piastrina anti trapano

Il Supermoroso Viro è un lucchetto corazzato per catena con piastrina anti trapano

Nella vita ci sono i compromessi necessari, i compromessi odiosi e i compromessi intelligenti. I lucchetti corazzati sono un compromesso intelligente tra sicurezza e praticità.

 Guarda come vengono costruiti i lucchetti corazzati Viro Panzer

5 pensieri su “I lucchetti blindati: salvare la capra e i cavoli

  1. Pingback: Il lucchetto più evoluto? Quello monoblocco in acciaio speciale! | Club Viro della sicurezza

  2. Pingback: Pro e contro dei cavi intrecciati corazzati, usati per legare bici e scooter | Club Viro della sicurezza

  3. Pingback: Che caratteristiche deve avere un lucchetto per non arrugginire, anche nelle peggiori condizioni climatiche? | Club Viro della sicurezza

  4. Pingback: Il lucchetto cilindrico Viro: 5 volte più sicuro | Club Viro della sicurezza

  5. Pingback: Quali caratteristiche deve avere un buon lucchetto per serranda? | Club Viro

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


cinque + nove =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>