Come si fa ad aprire una porta se c’è una chiave all’interno?

La qualità di una serratura si giudica da quanto riesce ad impedire accessi indesiderati. Ci sono però situazioni in cui la presenza di una serratura può rappresentare un problema anche per chi è autorizzato all’accesso. Si tratta soprattutto dei casi in cui si debba accedere velocemente ad un’abitazione o ad una stanza per soccorrere una persona chiusa all’interno che si senta male e che non riesca ad aprire la porta. Infatti con i comuni doppi cilindri, se la chiave è stata lasciata inserita nella toppa all’interno dell’abitazione spesso non si riesce ad aprire la porta dall’esterno, nemmeno possedendo un’altra chiave uguale. Per evitare questa situazione, che può far perdere tempo prezioso in caso di emergenza, esistono cilindri progettati specificamente per potersi aprire (con la chiave!) dall’esterno anche se è stata lasciata una chiave all’interno.

Cilindri con funzione di emergenza e cilindri frizionati

Se si escludono i cilindri per porte da bagno, che, nel lato esterno, spesso presentano una piastra rotonda con una fessura per l’introduzione di una moneta che funge da sblocco, le soluzioni possibili con i doppi cilindri sono due:

  • Cilindri con funzione di emergenza, che hanno un senso di installazione obbligato (indicato sul corpo stesso dei cilindri) , come i cilindri Viro serie 700, il cui meccanismo consente l’apertura dall’esterno con una chiave, anche se un’altra è stata lasciata inserita dal lato interno.
I cilindri Viro Serie 700 hanno una speciale funzione di emergenza che permette di aprirli dall’esterno anche se all’interno è infilata una chiave.

I cilindri Viro Serie 700 hanno una speciale funzione di emergenza che permette di aprirli dall’esterno anche se all’interno è infilata una chiave.

  • Cilindri frizionati, che possono essere installati indifferentemente in un senso o nell’altro, come i Viro Palladium, che consentono l’apertura da entrambi i lati, anche se nell’altro è inserita una chiave.
Il cilindro di alta sicurezza Viro Palladium è un esempio di cilindro frizionato.

Il cilindro di alta sicurezza Viro Palladium è un esempio di cilindro frizionato.

Minore rischio di rimanere chiusi fuori

Praticamente a tutti, almeno una volta nella vita, è capitato di rimanere chiusi fuori casa. A volte, succede perché si sono perse le chiavi, ma può succedere anche se abbiamo con noi il nostro fidato mazzo di chiavi. Con i cilindri tradizionali, infatti, se abbiamo lasciato una chiave inserita all’interno e il barilotto non è perfettamente allineato, magari perché si è mosso nel chiudere la porta, dall’esterno non è più possibile aprire la serratura, anche avendo la chiave, in quanto, pur inserendola correttamente, questa non sarà in grado di spingere indietro la chiave all’interno quel tanto che basta per ruotare il barilotto.

In questo caso l’uso di un cilindro frizionato o con funzione di emergenza risolve il problema e fa risparmiare i costi e le seccature dovute ad un intervento esterno.

Alberghi e comunità

I cilindri frizionati o con funzione di emergenza sono utili, nei casi in cui non si utilizzi già un cilindro con pomolo, anche negli alberghi e nelle comunità in genere, dove si deve poter accedere alle varie stanze, per motivi di emergenza o di servizio, anche se sono chiuse dall’interno.

Invece del pomolo

Come abbiamo visto, un cilindro frizionato, o con funzione di emergenza, può essere utile anche per evitare di installare un pomolo interno, che non è sempre consigliabile dal punto di vista della sicurezza. Con un cilindro di questo tipo si può infatti lasciare inserita – solo quando si è in casa – una chiave all’interno, che svolge le stesse funzioni del pomolo, consentendo di aprire e chiudere rapidamente la serratura. Con la differenza che, quando si esce, si rimuove la chiave, evitando così di lasciare una comoda via d’uscita ad un potenziale ladro che fosse penetrato nell’ambiente ad esempio da una finestra.

Conclusioni

I cilindri con funzione di emergenza e i cilindri frizionati sono un caso particolare nel panorama dei prodotti per la sicurezza. Il loro punto di forza, infatti, non è soltanto l’efficacia nell’impedire gli accessi, ma anche nel renderli sempre possibili… naturalmente solo a chi possiede la chiave giusta!

Un pensiero su “Come si fa ad aprire una porta se c’è una chiave all’interno?

  1. giuseppe

    Questo meccanismo nuovo della chiave inserita dietro la porta d’ingresso si può aprire dall’esterno con un altra delle cinque chiavi ricevute che per me è una situazione mentale ottima come purtroppo mi era capitato una volta con un’altra serratura che non potevo più aprire e con varie girate finalmente scampato pericolo. Ho anche la spranga elettronica sempre con le stesse funzioni e mi trovo benissimo anche su allarme telefono smartphone. Le due serrature logicamente montate sono della VIRO. tutto bene.

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


due + sette =