accessori fissagio intro

Un semplice consiglio per migliorare la sicurezza di ogni lucchetto

Anche il miglior lucchetto perde di efficacia se viene ancorato a dei punti di fissaggio che sono più deboli del lucchetto stesso. In questo caso un eventuale ladro attaccherà il punto di fissaggio, rendendo semplicemente inutile la presenza del lucchetto.

Un modo semplice per aumentare la sicurezza di un lucchetto è quindi migliorare la resistenza dei suoi punti di fissaggio. Per questo i maggiori produttori di lucchetti forniscono anche un’ampia scelta di accessori di fissaggio, adatti ad ogni tipo di necessità.

Spesso invece si vedono in giro lucchetti, anche di buona qualità, attaccati a semplici viti ad occhiello, chiavistelli in lamiera o altri supporti che in caso di attacco offrono una scarsissima resistenza.

Un esempio di punto di fissaggio più debole del lucchetto (foto: flikr/Paul).

Un esempio di punto di fissaggio più debole del lucchetto (foto: flickr/Paul).

È ovviamente un controsenso: anche per i lucchetti vale infatti la regola generale di tutti i sistemi di sicurezza, dove la resistenza complessiva è data dalla resistenza dell’anello più debole della “catena”, non da quello più forte.

Un buon punto di fissaggio non deve essere solo resistente ai possibili attacchi, ma deve anche accoppiarsi al meglio con il lucchetto in modo da minimizzare gli spazi a disposizione di eventuali malintenzionati per tentare la forzatura del lucchetto stesso con strumenti da scasso o da taglio. Lucchetti e relativi accessori di fissaggio andrebbero quindi scelti insieme, preferibilmente se della stessa marca, per integrarsi al meglio gli uni con gli altri.

Gli “indispensabili” Viro

Viro produce vari tipi di accessori di fissaggio, gli “Indispensabili”, che coprono tutte le possibili situazioni d’uso:

  • Gli “occhioli fissi” sono indicati per l’utilizzo su porte e portelloni. Per la massima comodità e sicurezza si possono abbinare ad un lucchetto a doppia asta. In questo modo è ad esempio possibile aprire una sola asta, lasciando il lucchetto fissato con l’altra.
    occhioli fissi
  • Gli “occhioli mobili” possono essere utilizzati come quelli fissi, ma hanno il vantaggio aggiuntivo di compensare eventuali deformazioni dei battenti a cui sono collegati. Sono quindi consigliati, ad esempio, su porte e portelloni di ferro che si dilatano o restringono al variare della temperatura.
    occhioli mobili
  • Le “cravatte” sono invece indicate quando si devono chiudere cancelli grigliati o altri profilati. Sono quindi un’alternativa più comoda e sicura alla catena attorcigliata più volte che si vede su tanti cancelli.
    cravatte cancelli

Gli “Indispensabili” Viro, a differenza di molti occhioli e anelli di semplice ferro che si trovano sul mercato, sono realizzati in acciaio cementato, temprato e zincato, in modo da offrire una resistenza paragonabile a quella dell’arco e dell’asta dei lucchetti Viro, anche in considerazione delle loro rilevanti dimensioni.

Proprio le dimensioni sono studiate per adattarsi al meglio ai lucchetti corazzati Panzer e ai monoblocco Monolith.

Viro realizza, con gli stessi principi, anche gli anelli di fissaggio per serrande, da utilizzare con lucchetti per serranda o gruppi di fissaggio.

Un occhiello per serranda ha uno spessore studiato in modo da non lasciare scoperta l’asta del lucchetto.

Un occhiello per serranda ha uno spessore studiato in modo da non lasciare scoperta l’asta del lucchetto.

Le catene

Se il lucchetto viene utilizzato con una catena, il punto di fissaggio è costituito ovviamente dagli anelli della catena stessa. Anche per questo è importante scegliere una catena di qualità seguendo i consigli che abbiamo già visto un precedente post.

I portelloni dei furgoni

I consigli che abbiamo dato finora sono applicabili anche ai lucchetti utilizzati per chiudere le porte e i portelloni dei mezzi commerciali.

Un esempio di punti di fissaggio artigianali che non offrono adeguata protezione al lucchetto né elevata resistenza agli attacchi.

Un esempio di punti di fissaggio artigianali che non offrono adeguata protezione al lucchetto né elevata resistenza agli attacchi.

In questo caso, però, la soluzione migliore è quella di adottare una serratura aggiuntiva espressamente studiata per questo scopo, come il Viro Van Lock. Si ottiene così, oltre alla massima sicurezza, anche la massima praticità, visto che il Viro Van Lock non rovina la carrozzeria, è più comodo da aprire rispetto ad un lucchetto e si chiude semplicemente a spinta.

La serratura aggiuntiva per furgoni Viro Van Lock offre una maggiore sicurezza e praticità rispetto ad un comune lucchetto.

La serratura aggiuntiva per furgoni Viro Van Lock offre una maggiore sicurezza e praticità rispetto ad un comune lucchetto.

Conclusione

Spesso il punto debole di un lucchetto è fuori dal lucchetto stesso ed è costituito dai punti di fissaggio. È un aspetto che non si tiene sempre in considerazione in fase di acquisto.
Ricordatene la prossima volta che scegli un lucchetto.

Guarda le caratteristiche tecniche degli “indispensabili” Viro

2 pensieri su “Un semplice consiglio per migliorare la sicurezza di ogni lucchetto

  1. AR

    salve,
    è vero che un buon lucchetto ha bisogno di un ottimo fissaggio. purtroppo ho un’altra filosofia: se c’è un buco o una fessura per aprire lucchetto o serratura c’ è un problema. il problema più grande, ma nessuno lo metta a fuoco: il vandalismo. si migliora il supporto o fissaggio- si decide di utilizzare un ottimo o una buona serratura, e il vandalismo?
    se scende in azione il vandalismo, il buon fissaggio o una buona serratura, il risultato non cambia, bisogna intervenire con attrezzi per apertura porta o qualsiasi cosa con costi alti. contro il vandalismo ne buco ne fessure, solo serrature elettroniche e sistemi realizzati pensando da scassinatori o vandali.
    Cordiali Saluti
    AR antoniorusso

    Replica
    1. Francesco Bedussi Autore articolo

      Gentile sig. Russo,
      quanto lei afferma sul vandalismo è senz’altro vero, anche se ovviamente non tutte le applicazioni avvengono in contesti in cui il rischio vandalico è alto. Converrà con noi che un condominio affollato o un parcheggio adiacente la stazione rappresentino ambienti a maggior rischio di atti vandalici rispetto ad una casetta monofamiliare fuori città o agli ambienti situati all’interno di un ufficio. In ogni, caso contro il vandalismo, oltre alle già da lei giustamente menzionate serrature elettroniche, che però non sempre sono applicabili e talvolta hanno un costo valutato dall’utente come non proporzionato al bene da difendere, esistono anche sistemi meccanici/magnetici che impediscono l’accesso alla toppa della serratura, allo scopo appunto di prevenire atti vandalici.
      Come sempre, per ogni questione inerente la sicurezza, esistono diverse soluzioni, fra le quali va fatta dall’utente la scelta migliore, in funzione dei beni da difendere e del contesto ove essi si trovano. Affinché l’utente effettui consapevolmente questa scelta, è necessario che sia correttamente informato, cosa che Viro cerca di fare anche grazie a questo blog e agli interventi di chi, come lei, partecipa attivamente con il proprio contributo, di cui le siamo grati.

      I più cordiali saluti

      Staff Club Sicurezza Viro S.p.A.

      Replica

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− tre = uno

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>