[Senzanome]

Un altro passo verso la sicurezza: le casseforti Viro Privacy

Al giorno d’oggi, anche in seguito all’installazione dei  migliori sistemi di sicurezza per proteggere la nostra casa, la preoccupazione per la custodia di oggetti di valore, sia affettivo che economico, è comune a tutti. Una soluzione spesso adeguata alla tutela di gioielli, denaro, documenti riservati etc. è proteggerli all’interno di una cassaforte.

Non dimentichiamoci che il primo passo per salvaguardare i nostri beni è sempre quello di assicurarci che tutti gli accessi alla nostra abitazione/ufficio siano protetti. In primo luogo prevenendo possibili attacchi da parte di ladri (con le dovute misure di sicurezza), ma anche prestando attenzione alla nostra riservatezza..

Non è mai bene rivelare l’esistenza di una cassaforte in casa, ma mostrare perfino dove si trova, o aprirla in presenza di chi non faccia parte della famiglia, è assolutamente da evitare in quanto molto rischioso.

Scegliere la cassaforte più adatta alle nostre esigenze

Esistono diverse tipologie di casseforti, con serratura a  chiave, a combinazione meccanica, elettronica o biometrica.

Come già abbiamo visto nel post, ogni genere di cassaforte ha le proprie caratteristiche, ma ciò che può fare la differenza sono la comodità e la gestione dei diritti di accesso alla cassaforte stessa.

Ad esempio, una cassaforte con serratura a chiave può risultare comoda, immediata, oltre che meno costosa, ma il rischio di lasciare la chiave incustodita o perderla è alto.

serratura chiave

Cassaforte serratura a chiave Viro.

Per ridurre tale rischio, cioè non doversi preoccupare di nascondere la chiave, può convenire acquistare una cassaforte a combinazione meccanica o elettronica.

Le casseforti a combinazione meccanica ed elettronica Viro “PRIVACY”

Le casseforti Viro Privacy sono disponibili a combinazione meccanica o elettronica, da incasso o da esterno.

Cassaforte a combinazione elettronica Viro Privacy

Cassaforte a combinazione elettronica, versione orizzontale da incasso, Viro Privacy.

Avevamo già visto insieme quali devono essere i requisiti che ci assicurino la qualità di un prodotto prima di acquistarlo e il valore che questo dovrebbe avere in funzione dei beni da proteggere. Chi volesse ripassare questi requisiti li trova qui.

La combinazione meccanica offre il vantaggio di non dover dipendere da un’alimentazione a batteria o da rete elettrica. Il numero di combinazioni impostabili in una buona cassaforte elettronica è però molto più elevato di quanto non sia ottenibile con un combinatore meccanico.

Sportello Viro Privacy combinatore meccanico.

Sportello Viro Privacy con combinatore meccanico.

Inoltre è vero che esistono casseforti che uniscono l’apertura con chiave ad un combinatore meccanico (es. modelli Viro serie 1.4340) ma, se si desidera un controllo accessi che consenta di attribuire a varie persone il diritto di utilizzare la cassaforte, indipendentemente l’una dall’altra, potendo registrare i loro accessi (ad es. casseforti di: uffici, ospedali, enti, comunità , famiglie numerose etc.) l’unica soluzione è offerta dai modelli più avanzati di cassaforte elettronica.

Prediligere quindi un modello meccanico rispetto ad uno elettronico, o viceversa, dipende dalle necessità degli utenti. Stessa cosa dicasi per le versioni a sviluppo orizzontale o verticale (in funzione della dimensione e della forma dei beni da proteggere), così come del sistema di ancoraggio a mobile con tasselli o con cementazione nel muro.

In quest’ultimo caso, ove si abbia a disposizione un muro perimetrale con spessore minimo 30cm e sia possibile utilizzare tondini o gabbie in acciaio da fissare alle alette posteriori delle casseforti da incasso, la muratura è generalmente da preferirsi rispetto alle versioni da tassellare.

Non perché non si trovino in commercio ottimi tasselli antistrappo (anzi ve ne sono di veramente resistenti), ma piuttosto per evitare di lasciare a vista, oltre allo sportello, ulteriori pareti della cassaforte. Per quanto infatti le pareti laterali possano essere spesse, è consigliabile evitare di lasciare esposte ampie superfici aggredibili con attrezzi da scasso o da taglio.

Conclusioni

La cassaforte va scelta sempre in base alle proprie esigenze di applicazione e di utilizzo, evitando prodotti di primo prezzo con qualità non idonea alla protezione richiesta e curando al massimo la riservatezza relativa sia al luogo di installazione sia alla gestione dei diritti di accesso.

Vedi le caratteristiche tecniche della cassaforte Viro Privacy a combinazione elettronica

Vedi le caratteristiche tecniche della cassaforte Viro Privacy a combinazione meccanica 

Guarda il video su come installare nel muro una cassaforte Viro Privacy

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


tre × = dodici

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>