sistemi_intro

Sicurezza in pillole: un sistema di sicurezza è tanto più sicuro quanto più se ne ignora l’esistenza

Prima regola: far sapere al minor numero possibile di persone che in casa è presente un sistema di sicurezza.

Abbiamo già discusso molto di come risulti fondamentale proteggere la nostra abitazione e i nostri beni, combinando sistemi di protezione meccanici ed elettronici.
Date le funzioni differenti degli stessi, è una buona scelta far sì che questi si coniughino per innalzare il livello di difesa delle nostre proprietà.
Oggi vi parliamo di tre prodotti che impediscono ai ladri di capire subito dall’esterno tutti i sistemi di sicurezza con cui dovranno avere a che fare.

La Spranga

Dotarsi una porta blindata, realizzata con materiali resistenti e di qualità è senza dubbio un valore aggiunto alla sicurezza della nostra abitazione. Allo stesso modo, installare una Spranga Universale (o più di una) può diventare un’ottima alternativa, o una fondamentale integrazione ad una porta esistente, per far sì che l’accesso così protetto resista maggiormente ai tentativi di scasso, praticati per lo più con martellileve o altri strumenti.
La protezione offerta è particolarmente efficace nei confronti dei tentativi di scardinamento e di sfondamento.
Inoltre, in caso di applicazione su porte principali, la Spranga aggiunge un’ulteriore serratura, a cilindro europeo, a quella già presente sulla porta, rendendo l’apertura con destrezza più complicata, in quanto l’eventuale ladro si troverebbe di fronte serrature con funzionamenti diversi, installate sul medesimo accesso.

spranga universale Viro

La rosetta di sicurezza

Un altro accorgimento per complicare la vita ai malintenzionati è quello di installare una rosetta di sicurezza come scudo di protezione sul lato esterno di un cilindro a profilo europeo,  nascondendone così marca e modello.

La rosetta di sicurezza infatti, oltre a proteggere dagli attacchi portati con trapano ed altri strumenti da scasso, rende più complicato, ad un potenziale ladro che effettuasse un sopralluogo sulla porta prima di compiere il furto, capire quale esatto modello di cilindro si trovi dietro la rosetta stessa.
Ciò aiuta a prevenire l’apertura con destrezza, sia quella effettuata con grimaldello e tensore (picking), sia quella tramite una chiave detta bump-key, che il ladro deve necessariamente realizzare per il modello specifico di cilindro che vorrebbe aprire.
In quest’ottica, può essere utile anche scegliere la rosetta di marca diversa rispetto a  quella della serratura e del cilindro.

rosetta Viro

L’antifurto Viro Mac

Viro M.A.C.  è un dispositivo elettronico che possiede un doppio sistema di controllo: rileva sia i tentativi di scasso che attivano il sensore anti-intrusione, sia le aperture senza forzatura, che separano i contatti magnetici; inoltre non attiva una sirena che potrebbe insospettire possibili malintenzionati all’opera, ma avvisa silenziosamente il proprietario con un SMS in tempo reale.
Le dimensioni contenute del prodotto lo rendono ideale per ogni tipo di utilizzo, ma soprattutto può diventare un “guardiano invisibile”, dal momento che non è identificabile dall’esterno.

Conclusioni

Quando si progetta un sistema di sicurezza, è bene fare attenzione che i vari componenti siano bilanciati e non siano presenti alcuni elementi di eccellenza e altri di scarsa qualità (che sono sempre da evitare), soprattutto per quanto riguarda la porta di ingresso.

Ma ancora più importante, come abbiamo visto, è mantenere riservata l’informazione sui sistemi di sicurezza installati, in modo tale che anche i ladri professionisti più attrezzati siano ostacolati dalla mancanza di informazioni su ciò che si troveranno di fronte.

Vedi il catalogo delle Spranghe Viro

Vedi le rosette di sicurezza Viro

Vedi le caratteristiche del Viro M.A.C.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


sette − = due

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>