You are not allowed to participate in this sunset.

Sicurezza in pillole: 3 consigli per utilizzare al meglio un lucchetto

Iniziamo oggi una serie di post che ci accompagnerà, in maniera intermittente, nei prossimi mesi.
Si tratta di consigli pratici, riassunti in forma di “pillole”, per conoscere i comportamenti più efficaci nell’applicazione e nell’uso di prodotti di sicurezza.
Spesso infatti basta davvero poco per evitare rischi, potenzialmente anche gravi, connessi ad un’installazione e/o ad un utilizzo involontariamente scorretto. Cominciamo parlando di lucchetti.

“Buongiorno, mi servirebbe un buon lucchetto, per favore!”

L’ampia possibilità di scelta nel campo dei lucchetti può disorientare, anche per il fatto che, quando ci rechiamo in un ferramenta specializzato, troviamo lucchetti di ogni forma e dimensione, cilindrici e rettangolari, ad arco lungo, in ottone o in acciaio etc.
Se esistono tanti prodotti diversi, è perché questi sono in grado di soddisfare al meglio tante esigenze specifiche. Può capitare però che la scelta errata di un lucchetto, come anche un banale errore commesso per disattenzione o poca esperienza, possa compromettere la funzione di sicurezza dello stesso. Vediamo insieme tre comportamenti da evitare, per assicurarci che la sicurezza del nostro lucchetto sia massima.

1. Anche il miglior lucchetto perde di efficacia se viene ancorato a dei punti di fissaggio che sono più deboli del lucchetto stesso. In questo caso un eventuale ladro attaccherà il punto di fissaggio, rendendo semplicemente inutile la presenza del lucchetto.

Un esempio di punto di fissaggio più debole del lucchetto (foto: flickr/Paul).

Un esempio di punto di fissaggio più debole del lucchetto (foto: flickr/Paul).

La regola generale di tutti i sistemi di sicurezza, e così vale anche per i lucchetti, è che: la resistenza complessiva è data dalla resistenza dell’anello più debole della “catena”, non da quello più forte.
Un modo semplice per aumentare la sicurezza di un lucchetto è quindi migliorare la resistenza dei suoi punti di fissaggio. Per questo, i migliori produttori di lucchetti forniscono anche un’ampia scelta di accessori di fissaggio, adatti ad ogni tipo di necessità.
2. Un buon punto di fissaggio non deve essere solo resistente ai possibili attacchi, ma deve anche accoppiarsi al meglio con il lucchetto in modo da minimizzare gli spazi a disposizione di eventuali malintenzionati per tentare la forzatura del lucchetto stesso con strumenti da scasso o da taglio. L’arco di un lucchetto è il punto più critico dal punto di vista della sicurezza, per questo motivo è bene utilizzare i lucchetti ad arco lungo solo quando servono davvero.

lucchetti-arco-lungo-intro

Nell’immagine si può invece vedere un classico esempio di lucchetto ad arco lungo usato in modo improprio. In questa situazione, infatti, a causa dell’eccessivo spazio libero fra arco e corpo del lucchetto, sarebbe particolarmente facile per un eventuale malintenzionato, attaccare l’arco con una cesoia o, ancora più semplicemente, con una banale leva.
I lucchetti ad arco lungo, a parità di dimensioni del corpo, sono meno sicuri dei corrispondenti lucchetti ad arco standard, perché lasciano quest’ultimo ancora più scoperto, e perché la lunghezza dell’arco amplifica l’efficacia di un’eventuale leva usata per strapparlo. Vanno usati quindi solo quando i due punti di fissaggio sono distanti tra loro e non permettono l’applicazione di altri tipi di lucchetto.
3. Il primo nemico di un lucchetto sono i potenziali malintenzionati, ma, soprattutto se usato in esterno, pioggia, salsedine e polvere non sono da sottovalutare, in quanto, a lungo andare, possono ossidarlo, farlo arrugginire e bloccarlo, fino a renderlo inservibile. Queste condizioni climatiche aggressive si trovano soprattutto vicino al mare, ma anche le piogge acide della città o gli sbalzi termici della montagna possono mettere a dura prova i comuni lucchetti.

rusty-padlock-by-flickr-ChodHound-664x345

In questo caso, per far fronte a questi problemi si trovano spesso in catalogo lucchetti in genere definiti “marini”, perché hanno caratteristiche che li rendono più resistenti all’umidità e alla salinità dell’aria, particolarmente elevate vicino al mare.

Conclusioni

Ricordiamo infine che, al momento dell’acquisto, è spesso consigliabile ricorrere al prezioso aiuto di un buon rivenditore che saprà senz’altro suggerirci il meglio.

Leggi anche: come riconoscere a prima vista un lucchetto affidabile ed evitare acquisti sbagliati

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


tre × tre =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>