airport-519020_960_720

“Si, viaggiare”, ma attenzione alla valigia!

Giugno è arrivato, l’estate è finalmente alle porte… per qualcuno è già tempo di vacanze. C’è chi parte per il week end, chi sceglie una meta marittima e chi invece decide di combattere il caldo preferendo la montagna, o va all’estero, magari per visitare una capitale. La valigia è già chiusa, ma è anche protetta a sufficienza?

Le preoccupazioni riguardanti la valigia, durante un viaggio, soprattutto se ci si sposta in aereo, sono molte volte dovute al fatto che ogni compagnia aerea applica le proprie norme riguardanti il bagaglio: dimensionipeso, oggetti non trasportabili etc. Impieghiamo così tanta energia per assicurarci una partenza tranquilla, che spesso ci dimentichiamo di un compito fondamentale: verificare che il bagaglio sia al sicuro.
Difficilmente si perde di vista la valigia durante brevi spostamenti, ma ci sono dei momenti in cui, in treno o in aereo, ce ne dobbiamo separare. Vediamo insieme qualche consiglio per arrivare a destinazione con tutti i nostri beni.

Dopo il volo le valigie vengono restituite su un nastro trasportatore, incustodite.

Durante i viaggi in treno spesso non si possono tenere sotto occhio le valigie, e nemmeno il flusso di persone, che sale e scende alle fermate.

Durante i viaggi in treno spesso non si possono tenere sott’occhio le valigie, e nemmeno il flusso di persone, che sale e scende alle fermate.

    1. Il primo consiglio, anche se può sembrare banale, è quello di separarsi dalla propria valigia per il minor tempo possibile. In treno è bene evitare una sistemazione “lontana dagli occhi”, è da preferire invece lo spazio appositamente adibito al deposito bagagli posto sopra i sedili. Se invece si hanno bagagli voluminosi che possono essere sistemati soltanto nei ripiani che si trovano all’inizio di ogni carrozza, e quindi probabilmente non in vista rispetto al posto ove si è seduti, una valida soluzione potrebbe essere rappresentata da leggeri lucchetti a cavo estensibile che possono servire ad ancorare le proprie valigie alla rastrelliera dei ripiani.
      Se si viaggia di notte, una buona idea è quella di utilizzare lo zaino come cuscino e tenere la valigia appresso.Se invece si viaggiasse in aereo, subito dopo l’atterraggio è consigliabile raggiungere l’area dove i bagagli vengono restituiti, e restare nei pressi nel nastro trasportatore. Un altro suggerimento è quello di rendere facilmente riconoscibile la propria valigia (ad es. scegliendola di un colore appariscente o identificandola con nastri o etichette), per evitare scambi accidentali o furti premeditati.
    2. Chiudere il proprio bagaglio con un lucchetto.
      I lucchetti per valigia non rappresentano una soluzione di sicurezza assoluta, ma servono comunque a scoraggiare un potenziale malintenzionato, il quale incontrerebbe comunque un ostacolo da superare e non è detto che possa farlo riuscendo a passare inosservato.
      Non tutti i lucchetti per valigie sono utili ovunque, infatti per viaggiare negli Stati Uniti, ove tutti i bagagli devono poter essere sempre ispezionabili dall’agenzia per la sicurezza dei viaggiatori, è necessario dotarsi di lucchetti autorizzati TSA, come questi.intro_TSAInoltre, per poter richiedere un eventuale rimborso assicurativo in seguito ad un furto,
      è necessario avere la prova che effettivamente il bagaglio sia stato manomesso, ovvero che siano stati forzati il lucchetto o la chiusura del bagaglio (o, alternativamente, sia stata tagliata la pellicola plastica che lo rivestiva).
    3. Non lasciare oggetti di valore in valigia, soprattutto se essa è destinata a finire in stiva, ma tenere con sé gioielli, denaro, macchine fotografiche, cellulare ed altri dispositivi elettronici.
      Anche visitare una città, trascinando la valigia con sé, potrebbe risultare rischioso (oltre che scomodo!). Le attrazioni di una città tutta da scoprire potrebbero contribuire a far calare l’attenzione e perdere di vista il proprio bagaglio. Per evitare inconvenienti che potrebbero rovinare la vacanza, esistono depositi bagagli, e di recente, nella città di Roma, è stato attivato un nuovo progetto, un “airbnb” per valigie: “Si chiama “Bagbnb” ed è una community, che mette in contatto chi si candida per offrire una rete di appoggio dove depositare i bagagli, tutti i giorni con un orario lungo, ovvero “gli Angel” e chi ha bisogno di questi servizi, i turisti che, usciti dagli appartamenti di bed and breakfast o case vacanze, hanno ancora qualche ora a disposizione per visitare la città in cui si trovano.”

(Fonte: Il Messaggero).

Esistono quindi varie soluzioni per ridurre i rischi legati ai furti di bagagli, è sempre bene cercare di di adottarle.

Vedi i lucchetti Viro per valigia a combinazione variabile

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


quattro × = trenta sei

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>