grimaldello-bulgaro-664

Le serrature a doppia mappa sono sicure?

Vi è mai capitato di sentire al telegiornale di bande di ladri in grado di “aprire senza sforzo tutte le serrature”? In questi casi non è sempre facile capire dove sia il confine tra la verità e la semplificazione giornalistica. Vediamo di fare un po’ di chiarezza.

La cattiva notizia è che è vero che esistono diverse tecniche che permettono di aprire le serrature senza chiave e senza romperle, ed è vero anche che esistono tipi di serrature particolarmente vulnerabili a certe tecniche. La buona notizia è però che non è vero che esista una sola tecnica in grado di aprire tutte le serrature… anzi, serrature diverse richiedono tecniche di effrazione diverse. Come abbiamo visto, i due principali tipi di serrature sulle nostre porte di ingresso sono la doppia mappa e il cilindro europeo. Entrambe hanno dei punti di forza e dei punti di debolezza diversi che è bene conoscere per scegliere al meglio.

Cominciamo dalle serrature a doppia mappa. Quali sono i loro punti di debolezza?

Si aprono facilmente con il “grimaldello bulgaro”

Molti casi riportati dai giornali nei quali i ladri risultano in grado di aprire “magicamente” “tutte le serrature” si riferiscono in realtà a bande specializzate nell’aprire serrature a doppia mappa con il cosiddetto “grimaldello bulgaro”, uno strumento da scasso proveniente dall’est Europa (da cui il nome), che, infilato nella serratura, permette di ricostruire la forma della chiave originale e quindi di aprire la porta con relativa facilità. Per far fronte a questa minaccia i produttori hanno realizzato serrature di nuova generazione con sistemi di protezione contro il grimaldello bulgaro. Se si sceglie di montare una serratura a doppia mappa è quindi importante verificare che sia di questo tipo. Purtroppo però i malintenzionati continuano ad affinare le loro capacità nella realizzazione di grimaldelli modificati per serrature a doppia mappa, nella perenne ricerca di superare le contromisure adottate dai produttori.

Un grimaldello bulgaro

Un grimaldello bulgaro

Hanno una fessura molto ampia per l’inserimento chiave
(e purtroppo anche di strumenti da scasso)

Tutti i modelli di serratura a doppia mappa soffrono di una debolezza intrinseca. La chiave a doppia mappa ha una forma allargata alla base, la serratura deve quindi avere una fessura di inserimento chiave decisamente più ampia rispetto a quella di un cilindro. Questo rende molto più semplice introdurre strumenti da scasso o di manipolazione all’interno della serratura.

Toppa di una doppia mappa

La fessura per l’inserimento di una chiave a doppia mappa è molto ampia

Hanno chiavi facilmente duplicabili

Le chiavi a doppia mappa tradizionali sono abbastanza facili da duplicare, spesso basta una fotocopia della chiave o un’impronta su tavoletta di cera, per fare da modello alla lavorazione di una chiave grezza. Per questo motivo vengono prodotte anche serrature a doppia mappa più complesse, azionate da chiavi brevettate che integrano elementi ulteriori, in modo che la duplicazione sia controllata.

Il profilo di una chiave a doppia mappa è facilmente riproducibile.

Il profilo di una chiave a doppia mappa è facilmente riproducibile.

Questi sono essenzialmente i motivi per cui negli ultimi anni la fama delle serrature a doppia mappa ha subito un duro colpo e, a differenza di quanto avveniva in passato, le nuove porte blindate utilizzano in genere serrature con cilindro europeo.

Le serrature a doppia mappa presentano però anche alcuni vantaggi interessanti:

Sono immuni al key bumping

Il key bumping rappresenta per le serrature con cilindro europeo un po’ quello che il grimaldello bulgaro è per le serrature a doppia mappa: permette in alcuni casi di aprirle senza romperle, e in modo relativamente facile. Per come sono costruite le serrature a doppia mappa, invece, non possono essere aperte con il metodo del key bumping.

Resistono al trapano

Una serratura a pistoncini, come quelle con cilindro europeo, può essere attaccata con un trapano, sia sul barilotto (rotore), per estrarlo, sia sul corpo, per far fuoriuscire molle e perni. Questo non è possibile su una serratura a doppia mappa, che può essere attaccata solo con una fresa di notevoli dimensioni, in grado sostanzialmente di asportare tutta la serratura, che però, a differenza del cilindro, è situata all’interno della porta.

Si prestano bene ad essere elettrificate e motorizzate

Grazie alle loro dimensioni, le serrature a doppia mappa possono essere motorizzate facilmente. La motorizzazione comporta diversi vantaggi, il principale dei quali è la possibilità di far scattare automaticamente le mandate della serratura ogni volta che si chiude la porta. In questo modo si è sicuri che la serratura sia sempre chiusa, evitando che possa rimanere aperta per fretta o distrazione.

Quindi, per rispondere alla domanda iniziale, una serratura a doppia mappa è sicura? O per meglio dire, è più o meno sicura di altre soluzioni? Possiamo dire sicuramente che una serratura a doppia mappa tradizionale è ormai poco sicura, mentre una di nuova generazione è più sicura. Il confronto con una serratura con cilindro a profilo europeo è invece più complesso perché ne esistono tantissime varianti, più o meno sicure. In un prossimo post vedremo proprio come scegliere e installare un cilindro europeo in modo da massimizzarne la sicurezza. Per il momento possiamo limitarci a notare una certa complementarietà tra i punti di forza e di debolezza delle due soluzioni…

14 pensieri su “Le serrature a doppia mappa sono sicure?

  1. Pingback: Sai distinguere una serratura a doppia mappa da una con cilindro europeo? | Club Viro della sicurezza

  2. Pingback: 7 buoni motivi per proteggere casa con un cilindro europeo | Club Viro della sicurezza

  3. Pingback: I media parlano di “chiavi magiche” in grado di aprire “tutte le porte”, vero o falso? | Club Viro della sicurezza

  4. Routier

    un robusto catenaccio quando si è in casa e un valido sistema di allarme quando si è fuori casa sono un valido sostituto a qualsivoglia serratura ?

    Replica
    1. fbedussi Autore articolo

      In genere è bene non affidare la sicurezza ad un solo sistema, che ha sempre dei punti deboli, ma è meglio combinare sistemi diversi, in modo da sommare i benefici e colmare le reciproche lacune.
      Ad esempio un sistema di allarme senza una buona difesa meccanica serve a poco, perché se basta una spallata ad aprire la porta c’è tutto il tempo di entrare e compiere il furto anche con l’allarme attivato prima che qualcuno possa intervenire, ammesso che qualcuno possa/voglia intervenire…

      Replica
  5. Pingback: Come è fatto un cilindro europeo? | Club Viro della sicurezza

    1. Francesco Bedussi Autore articolo

      No, parlare solo di “cilindro europeo” non ci dice nulla sul suo livello di sicurezza, bisogna vedere di che cilindro stiamo parlando e di come è montato e protetto.

      Replica
    1. Francesco Bedussi Autore articolo

      Certo, come abbiamo specificato nel post anche le doppia mappa hanno dei punti di forza, l’importante è essere consapevoli anche delle possibili vulnerabilità, soprattutto dei vecchi modelli, in modo da potersi regolare di conseguenza.

      Replica
  6. Pingback: Il grimaldello bulgaro: cos’è veramente e come difendersi | Club Viro della sicurezza

  7. Pingback: Come è fatto un cilindro europeo? | Club Viro

    1. Francesco Bedussi Autore articolo

      Buongiorno,
      premesso che noi non produciamo questo tipo di serrature e che le soluzioni adottate variano da produttore a produttore, generalmente sulle chiavi delle serrature a doppia mappa di nuova generazione sono presenti elementi aggiuntivi oltre ai classici “denti”, come elementi magnetici, palline, pistoncini o altro.

      Però, come dicevo, dipende dal caso specifico.

      Replica

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


nove × otto =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>